Prevenzione e tutela della salute: cosa fare e come farlo

Essere in salute non significa semplicemente non avere malattie o infermità. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità la salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale. Per poter raggiungere un buono stato di benessere non bastano solo i farmaci e le terapie messe a disposizione dalla medicina ma è fondamentale vi sia da parte di ognuno di noi un’opera di prevenzione.

Perché è importante fare prevenzione

Con prevenzione si intende l’insieme di tutte quelle attività e di comportamenti messi in atto per evitare l’insorgere di malattie e mantenere un buono stato di salute. Per fare una buona prevenzione bisogna mantenere uno stile di vita sano e le regole da seguire sono poche e semplici. Dal punto di vista pratico ciò significa che si deve intervenire su tutti  quelli che vengono definiti “fattori di rischio modificabili”:

  • l‘alimentazione: sana, equilibrata e sicura;
  • l’attività fisica: deve essere regolare; 
  • il consumo di alcol: deve essere limitato il più possibile o o  eliminato;
  • il fumo: da eliminare in tutte le sue forme;
  • lo stress: da mantenere sotto controllo poichè è il maggior fattore di deteriorazione della salute.
Immagine correlata

Fare prevenzione deve essere inteso non come un modo per evitare malattie ma come modo per condurre una qualità di vita migliore. Prendersi cura di sé contrasta sovrappeso, porta a benefici psicologici, migliora la salute cardiovascolare, quella delle ossa e tiene alla larga le malattie metaboliche

Come fare prevenzione

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha indicato che i fattori che determinano lo stato di salute sono legati per il 30% a fattori genetici, per il 30% a fattori socio-economici, per il 30% allo stile di vita e per il 10% all’azione di servizi medici.

Pertanto, attraverso lo stile di vita sano possiamo gestire da soli soltanto il 30% della nostra salute, mentre per poter gestire tutto il resto c’è bisogno anche di sottoporci ad alcune visite e fare alcune analisi.

Non c’è una modalità di prevenzione unica per tutti, ma varia in base all’età, al tipo di stile di vita e alla familiarità genetica di alcune malattie. Andando dal medico di famiglia a chiedere un consulto, puoi essere indirizzato verso i tipi di accertamento che fanno al caso tuo.

Fare esami clinici, strumentali e di laboratorio è molto utile per la diagnosi delle malattie ancora in fasi precoci. In quei casi in cui vi sia una familiarità a malattie del cuore, diabete e tumori fare controlli e farsi guidare dallo specialista è fondamentale. 

Da considerare anche che con l’aumentare dell’età si è esposti sempre di più a malattie e quindi bisogna fare i controlli in modo programmato e continuativo

Campagne su salute e prevenzione

Le campagne sulla prevenzione sono tantissime poichè il nostro organismo è complesso e sono tantissimi i fattori di rischio da tenere in considerazione.

La maggior parte sono per lo più informative, perchè prima di chiedere consulto o avviarsi in azioni di prevenzione è bene sapere quello che si sta facendo, perchè lo di deve fare e quali sono i rischi se non lo si fa.

Le campagne sono le più disparate, dalla prevenzione ai vari tipi di tumori alla sicurezza sul lavoro, come difendersi dal caldo o dagli insetti, informazioni sulla contraccezione, come educare i bambini per farli crescere felici e in salute e così via.

Risultati immagini per prevenzione malattie

Qui vi presentiamo alcune tipologie di campagne.

Campagna “Contro il fumo

Campagna che risale al 1975 ad opera di Pubblicità Progresso e che si rivolge non ai fumatori, ma a chi gli sta accanto.

La campagna infatti fornisce informazioni, tramite video e poster, di come il fumo passivo che si respira stando accanto a un fumatore o in una stanza dove non vi sia divieto di fumare sia pericoloso più di quanto lo sia per il fumatore stesso. Nei poster in particolare vengono date molte spiegazioni dettagliate di quello che succede al tuo organismo respirando  il fumo delle sigarette. Il poster fu così apprezzato che per anni fu richiesto da enti e da privati di tutta Italia.

Scopo della campagna è quello di stimolare coloro che non fumano ad agire e chiedere a chi fuma di non smettere o almeno di non fumare in posti dove può nuocere ad altre persone.

Inoltre la campagna contribuì a rendere esecutivo un disegno di legge in materia di fumo, da anni fermo in Parlamento, per cui l’anno successivo il tema venne ripreso per invitare i cittadini al rispetto e all’applicazione delle nuove disposizioni sul divieto di fumare nei locali pubblici.

Campagna “Sicurezza sul lavoro

Campagna di Pubblicità Progresso presentata al Quirinale nel 2008 attraverso il messaggio “Sicurezza: Dovere Assoluto. Diritto Intoccabile”. Si divide in due parti, dove la prima parte richiama tutti alla consapevolezza dei rischi sul lavoro in maniera semplice ed immediata da veicolare su tv, stampa, radio, affissioni, internet.

La seconda parte, lanciata qualche mese più tardi proponendo i tre soggetti a forte impatto visivo: un casco giallo con una cicatrice suturata, guanti forati e scarponi bruciacchiati, con l’headline “Un vero amico le prende al posto tuo“.
Con lo spot la Fondazione spiega in maniera semplice le attuali normative, approfondendo diritti e doveri di lavoratori e imprese, e indicando indirizzi utili degli enti e delle autorità a cui spetta il compito di vigilare sulla sicurezza.

Campagna di prevenzione del tumore al seno “Nastro rosa 2019

Un’iniziativa AIRC per raccogliere fondi per la ricerca sul tumore al seno, sensibilizzare le donne sulla prevenzione e dare supporto a coloro che ne soffrono già.

Per l’occasione, ogni anno per il mese di ottobre varie regioni mettono a disposizione visite gratuite per coloro che vogliono o ne hanno bisogno e centinaia di monumenti vengono illuminati per ricordare l’importanza della prevenzione e sostenere la ricerca sul cancro al seno.

La campagna si può sostenere indossando la spilletta raffigurante un nastro rosa che per l’edizione 2019 sarà incompleto, dove la parte di colore mancante rappresenta le donne che ancora non sopravvivono a una diagnosi di tumore al seno.

Lo scopo è quello di far capire che ognuno di noi, sia uomini che donne, con il proprio contributo, può aiutare il progresso della ricerca e il lavoro dei ricercatori per rendere il cancro al seno sempre più curabile.

Per sostenere la campagna si possono acquistare la spilletta Airc e altri prodotti in edizione limitata dedicati alla campagna.

Fiocco Rosa Airc

Lascia un commento